La difficile relazione dell’amministrazione Trump con i numeri

Pur senza poter esprimere il mio voto, non posso certo nascondere di non essere stato un sostenitore del candidato repubblicano Trump in occasione delle ultime elezioni USA. Con l’inizio ufficiale della sua esperienza quale Presidente della nazione con l’economia più grande al mondo (per PIL nominale), credo però che anche lui debba avere la sua opportunità di mostrare al mondo come le sue promesse e le sue idee possono essere messe in atto.

Detto questo, a seguito della cerimonia di insediamento dello scorso 20 gennaio sono emerse delle polemiche legate al numero di partecipanti fisicamente presenti alla cerimonia stessa. In particolare, alcuni media hanno riportato informazioni e pubblicato fotografie tese a sostenere la tesi secondo cui la folla presente alla cerimonia sarebbe state inferiore rispetto a quella che ha partecipato alla cerimonia di insediamento del Presidente Obama, nel 2009.

Continua a leggere “La difficile relazione dell’amministrazione Trump con i numeri”

A picture of Tanzania from a newbie in Africa

Last July, I traveled to Tanzania for a 2 week trip as research team member for the r4d project on health system governance. The goal of the visit was twofold: first, it was an opportunity for newbies to get to know the setup in Tanzania (one of the two countries part of the project) as well as our local partners; second, collect as much information as possible to develop detailed research plans.

On the road to a village in the Dodoma region
On the road to a village in the Dodoma region (source: PS)

Apart for some (well deserved) relax during the weekend, we spent two intense weeks traveling from Dar es Salaam to Dodoma (the region hosting the national capital), Morogoro region and then to Dar es Salaam again. In each location, our super-efficient local partners at IHI (Ifakara Health Institute) arranged tight schedules of meetings with various stakeholders as well as field visits to hospitals and smaller health facilities and dispensaries.

The first impressions on the country is of course positive. Tanzania is relatively quiet (socially and politically). Poverty is a huge problem; about 28% of people lives below the national poverty line in 2011 according to World Bank estimates, while the others are for most part marginally better off. Despite these figures, people in rural areas appeared often happier than the busy people you can run into in the streets of Lugano or Zurich, living with absolute dignity their status.

The relative importance of tourism in the national economy is not surprising. Mother Nature did an amazing job in Tanzania, making it a country definitely worth visiting as a tourist; the island of Zanzibar, the Mount Kilimanjaro, the limitless Serengeti National Park and the Victoria Lake region are just some of the hot spots. Unfortunately, I was not there to explore nature.

What is also striking, in my opinion, is the untamed growth of urban areas such as the economic center of Tanzania, Dar es Salaam. This coastal city has a huge extension and no sense of order whatsoever, which is fascinating to some extent but also disorienting for people born and raised in Switzerland, like me. You can find tarmac and (very) bumpy dirt roads with almost equal likelihood, and driving through a slum you can find yourself in a rich neighborhood close to the Oceanside just crossing a street.

Turning to the health system, the situation is clearly very different from what we experience in Switzerland.

dsc_0311
Pediatric section (source: IF)

In urban areas such as Dar or Dodoma, public hospitals have a relatively good standards and there is also a number of private hospitals and practices available to the wealthiest individuals that can afford treatments there. Nevertheless, in poor suburbs of cities, life isn’t easy (no jobs, no sanitation, pollution, …) and from a health perspective can be no less complicated than that of fellow citizens out in the remote areas of the country. In Tanzania there is a national health insurance scheme covering a limited share of population, essentially in the formal sector. For rural population, in the last couple of years efforts have been made to promote the spread of community-based health insurance schemes (often referred to as community health funds, or CHF’s). People not covered by an insurance scheme and not exempted/waived have to pay forfait out-of-pocket fees for treatments and medicines (children, pregnant women and elderly are exempted by policy, people recognized as poor are granted a waiver).

In rural areas, people in need of health care refer almost exclusively to public health facilities for two trivial reasons: (1) there are no private health facilities (with the exception of pharmacies) and (2) the economic conditions of people on average would not allow to visit private facilities anyway.

The structure of the health system follows broadly the administrative government structure in that there are 3 essential levels: regions (with regional referral hospitals), districts (with district referral hospitals) and ward/villages (with local health facilities or dispensaries). Usually, the “perceived” quality of health facilities increases with the administrative level but exceptions may exist. Based on the standard the we are used to, few people would probably dare to get a treatment in primary or secondary facilities in Tanzania. On the other hand, some regional hospitals have a fair level of infrastructures, comparable to western countries (maybe with a few notable exceptions like Switzerland, Lichtenstein and the like). Unfortunately, again, regional referral hospitals can be reached by a limited number of citizens. The others, living in remote areas of the country out in the Savannah, may strive even to reach the closest dispensary or primary care center due to long distances, absence of mean of transportation and so on.

Now, given the setting described above, even a perfectly functioning and responsive public health system would have a hard time in providing health care to all those in need (and not only to those who can afford paying high fees and private care). Instead, authorities in Tanzania (similarly to governments in other LMIC’s) face a number of challenges running the public health system; problems go from health financing, lack of investments on maintenance or stockouts in drugs and medical supply to health workers absenteeism, poor management of health facilities and corruption. The list of problems provided here is neither comprehensive nor accurate in describing the situation, but should be enough to convey the message.

Our project is just an infinitely small part or the huge mass of work in development and cooperation out there. What characterizes the r4d programme as well as other similar initiatives is work on evidence-based, research-rooted and policy-relevant issues contributing to the scientific and policy debate in the countries themselves. This organic approach is in contrast (not in competition though) with the common philanthropic perspective made of initiatives focused on mere implementation (no matter if implementation is evaluated and assessed). The latter, despite being invaluably precious at local level and of immediate effectiveness, in my opinion fails to provide the long-term effects that can change things once and for all.

Cheers!

IF, 1.11.2016

Raccolta bibliografica BibTex con LaTeX

Un veloce post per una questione che potenzialmente può farvi perdere tempo. Se utilizzate LaTex nella redazione di un documento e volete legarlo a una raccolta bibliografica BibTex (.bib) creata con programmi di gestione di bibliografie personali (quali Zotero, EndNote, Mendeley, ecc…), ecco i passi da seguire:

#1: Nel preambolo del vostro documento attivate il package natbib:

\usepackage{natbib}

#2: Alla fine del vostro documento, aggiungete i seguenti comandi:

\addcontentsline{toc}{section}{References}
\bibliographystyle{chicago}
\bibliography{nome_file}

Nel passaggio #2, le diverse righe sono descritte qui:

  1. Questo comando aggiunga una voce di indice per la bibliografia (qui in lingua inglese, indicata come “References”). Se non siete interessati all’indice e volete semplicemente citare le vostre fonti nel documento omettete la riga.
  2. Si tratta del comando per indicare lo stile di citazione da utilizzare. Qui è indicato lo stile “Chicago”. Potete indicare ad esempio lo stile APA con la voce apa al posto di chicago. Per conoscere il codice da utilizzare per il proprio stile, rimando qui.
  3. Questo comando indica a LaTeX il file di bibliografia “.bib” da utilizzare. Inseritelo nella stessa cartella del file LaTeX che volete compilare. Importante: il nome del file non deve contenere spazi!

È tutto. Ora potete citare le vostre fonti nel documento con i comandi appositi e compilando il vostro file dovreste vedere le citazioni secondo il vostro stile e la lista delle referenze che include tutti i documenti che avete citato.

IF, 5.12.2015

Considerazioni critiche sull’abuso del concetto di razionalità nella “Macroeconomia moderna”

Nell’ambito del master che sto seguendo, ho frequentato durante questo semestre due tipici corsi di Macroeconomia che hanno stimolato il presente post. Si tratta di Business Cycles (tratta modelli RBC e introduce i modelli DSGE usati quotidianamente dalle Banche Centrali di tutto il mondo) e International Macroeconomics (tratta modelli di macroeconomia aperta). Le mie riflessioni riguardano i contenuti e non i Professori… In particolare, come rivela il titolo del post, mi concentro su ciò che a mio avviso è un utilizzo ingiustificatamente pervasivo del concetto di razionalità nella macroeconomia moderna… Questo concetto, che permea la microeconomia, ha invaso la macroeconomia in seguito all’intervento di un noto economista statunitense di nome R. Lucas Jr., che nel  1976 ha illuminato il mondo dell’economia affermando (in parole povere) che  non si possono basare le proprie scelte di politica economia ed i propri modelli su dei comportamenti storici, passati. Questo perché i comportamenti passati possono mutare in futuro, e muteranno con maggiore probabilità se dei cambiamenti (indotti da nuove politiche economiche) interverranno a modificare l’ambiente economico in cui gli individui vivono.

Homo oeconomicus…

Innanzitutto, si assume sempre che tutti i soggetti siano degli “homo oeconomicus” (i.e., agiscono razionalmente per massimizzare la propria utilità). Ecco la definizione data dall’Enciclopedia Treccani:

homo oeconomicus: Astratta semplificazione della complessa realtà umana, enunciata per la prima volta da J.S. Mill, che pone come soggetto dell’attività economica un individuo astratto, del cui agire nella complessa realtà sociale si colgono solo le motivazioni economiche, legate alla massimizzazione della ricchezza. Questa categoria della teoria economica, usata in particolar modo in microeconomia come premessa dell’analisi deduttiva, si pone come universale, in quanto le scelte rilevanti dell’h. non sono condizionate dall’ambiente in cui si trova, e razionale, nel senso che il suo comportamento, volto a raggiungere dati obiettivi con i minimi mezzi, rispetta criteri di coerenza interna a partire da certi assiomi

Sebbene si tratti di un’ipotesi fondamentalmente sensata, essa risulta incompleta per due motivi. In primis, motivazioni diverse dalla “massimizzazione dell’utilità” (che in termini economici significa quasi sempre denaro) possono guidare le scelte individuali e di gruppo. In secondo luogo, il nostro agire in modo assolutamente razionale è reso impossibile dall’opacità che ci circonda. Mi spiego; per agire in modo assolutamente razionale dobbiamo conoscere alla perfezione ogni possibile opzione di scelta. Questo è chiaramente limitato, per diversi motivi e con gradi diversi a dipendenza delle diverse situazioni in cui ci troviamo. Ad esempio, nello scegliere presso quale banca sottoscrivere un credito ipotecario, faremo il possibile per valutare tutte le opzioni disponibili. Per acquistare della birra presso il bar in cui abbiamo fissato appuntamento con i propri amici, difficilmente valuteremo il prezzo della stessa con quello di tutti i bar concorrenti in città… Insomma; noi non conosciamo alla perfezione il mondo in cui viviamo (economicamente, ancor meno se pensiamo al mondo nel suo senso più generale), anche per questo siamo esseri umani. Perché fare finta che sia così?

…e aspettative razionali

Inoltre, nei modelli macroeconomici dinamici che incorporano delle scelte rivolte al futuro (un metodo fantasticamente realistico), anche le aspettative sono razionali e cioé rispecchiano esattamente il futuro corso della storia. Detta in altro modo, assumere in un modello che le nostre aspettative siano razionali significa riconoscere che noi non conosciamo il futuro, ma fare finta che possiamo prevederlo in modo perfetto basandoci su ciò che conosciamo oggi. Si può essere portati a pensare che in realtà questa assunzione sia giustificabile… io non sono d’accordo. Infatti, questi modelli partono assumendo che tutti noi conosciamo alla perfezione il mondo in cui viviamo (vedi sopra), una prima enorme semplificazione irrealistica. Se a questo aggiungiamo che da questo presente (di cui in realtà sappiamo molto poco) noi dovremmo essere in grado di prevedere perfettamente il futuro, le cose non possono che peggiorare. Una semplificazione irrealistica di una semplificazione irrealistica. Praticamente, una semplificazione irrealistica al quadrato!

Ma con questo, cosa voglio dire?

Il motivo alla base della costruzione di modelli economici è, molto essenzialmente, la semplificazione della realtà ad un livello tale da poter manipolare una o poche variabili e studiarne l’effetto sulle altre. Fare finta che tutti noi possiamo prevedere il futuro (come se avessimo una magica sfera di cristallo) basandoci sulla realtà odierna di cui conosciamo ogni (ma proprio ogni) cosa, a mio avviso è un po’ troppo. Può essere interessante come mezzo di paragone, con una situazione irreale ma ideale (a chi non piacerebbe essere un homo oeconomicus con aspettative razionali?). Tuttavia, le conseguenze dell’utilizzo di tali modelli per lo sviluppo di politiche reali, che hanno effetti diretti sulle nostre vite, a mio avviso non sono da sottovalutare. Eppure, è ciò che accade ogni giorno, da molti anni ormai, e le crisi economiche si susseguono a ritmi sempre più serrati e con effetti sempre più forti. Non voglio affermare che esista un diretto nesso causale, ma forse una revisione può essere utile…

La mia recensione di “The Mutt. How to Skateboard and Not Kill Yourself” (R. Mullen & S. Mortimer)

Innanzitutto, chiariamo che non si tratta di un libro che insegna l’arte dello skateboard. Molto semplicemente, questa è l’autobiografia di uno degli skateboarder più influenti di tutti i tempi, Rodney Mullen. Al dilà delle preferenze personali per il suo stile, è infatti indiscutibile che Mullen sia una leggenda vivente di questo sport. Un personaggio che ha dominato per anni la scena internazionale del freestyle (disciplina dello skateboard che prevedeva tricks eseguiti su superficie piatta), che con le sue innovazioni ha messo le basi per lo street skateboarding che conosciamo oggi (quello che fa utilizzo di ostacoli diversi per le acrobazie incredibili che si possono ammirare) e che si è in seguito reinventato street skater quando quest’ultimo ha letteralmente seppellito il freestyle, unica ragione di vita di Mullen fino a quel momento.

Dopo la dovuta introduzione a questo Gigante dello skateboard, veniamo al libro. Premetto che ho letto la versione originale in inglese. Ciò che posso dire, come per la maggioranza dei libri che decido di recensire, è che si tratta di un gran libro. Chiunque da giovane (o meno) abbia praticato dello skateboard, leggendo questo libro proverà una irresistibile voglia di tornare sulla tavola, all’istante. È un libro che ispira libertà, dedizione, passione. Traspare tutto l’amore di Rodney per lo skateboard oltre alla sua incredibile personalità.

Il libro non manca di far respirare al lettore l’atmosfera classicamente Californiana che contraddistingueva lo skateboard, in particolare negli anni ’70 (raccontati nel documentario “Dogtown and the Z-Boys” della leggenda Stacy Peralta) e negli anni ’80. In particolare, si parla proprio degli anni ’80, quelli dei vari Mullen, Hawk, Caballero & Co. che molti di noi (intesi come i miei coetanei o quasi) hanno imparato a conoscere giocando avidamente ai videogiochi della mitica serie “Tony Hawk’s Pro Skater”.

Oltre allo skateboard ed a ciò che ci sta attorno, il personaggio Mullen è capace di comunicare qualcosa di più. Mullen è infatti un artista, un grande innovatore che ha costruito il suo successo sportivo sulla fantasia e sul lavoro, duro. Ore e ore di allenamento, ogni giorno, anche fino a notte fonda, nelle pause tra la scuola ed i lavori in casa ordinati da suo padre e più tardi tra le lezioni presso l’Università della Florida, che ha frequentato con profitto salvo poi interrompere gli studi per fondare una casa di produzione di skateboard con l’eccentrico amico Steve Rocco. Insomma, non solo skateboard, ma anche quella vena di “tutto è possibile” che caratterizza il sogno americano. Una storia che, a mio avviso, non ha nulla da invidiare a quella ben più famosa di Steve Jobs con la sua Apple.

Mullen è un grande personaggio e questo libro è un ottimo modo per conoscerlo, per sognare un po’ e farsi infine ispirare da lui.